"E’ vero che è un oggetto inanimato, ma acquisisce una personalità – se senti un legame con lui – è un organismo che vive, che respira."

Così dice il nostro Capo Bottaio, Ger Buckley, una manifesta ossessione per gli attrezzi, e un uomo la cui conoscenza del legno ha origini nel passato al di là della sua vita professionale. Un vero artigiano nella forma più pura del termine, Ger è la quinta generazione di Bottai Midleton che usa gli stessi metodi e strumenti che usava suo nonno. La sua passione deriva non solo dalla tradizione familiare, ma anche dall’essere affascinato dalle molteplici possibilità che la sua materia prima preferita consente di esplorare.

Gli strumenti del mestiere sono un’estensione di Ger stesso: “Colleziono gli strumenti e li studio – sono interessato al modo in cui un altro potrebbe usare uno strumento diversamente da me”. Questo è ancora più evidente se si osserva dei suoi beni più preziosi: un maglio vecchio di 90 anni con un manico assottigliato dall’uso di generazioni. È stato durante gli anni dell’apprendistato col padre che Ger è venuto a conoscenza di quanto fossero antichi la sua professione e i metodi di fabbricazione delle botti, che hanno subito solo minimi cambiamenti dall’Impero Romano ad oggi. Controllando la fornitura e il mantenimento di tutti i barili in cui viene messo a stagionare Jameson, Ger assicura che un milione di botti di rovere della Distilleria siano in condizioni ottimali in ogni momento. Anche se Ger non costruisce da sé le botti, lui e il suo team di bottai ispezionano giornalmente 1.800 barili. Lui ha anche il compito di mantenere i rapporti con i precedenti proprietari delle botti a Jerez in Spagna settentrionale e in America, dove contenevano Sherry, Porto e Bourbon. Nel suo ruolo di ambasciatore a Jerez, Ger ha visto dove crescono le quercie, come vengono tagliate di quarto – un taglio molto specifico per ottenere anelli di albero tagliati a 90 gradi rispetto all’asse - ed è testimone di come le botti vengono realizzate a mano dai suoi omologhi spagnoli. Ger parla del suo interesse nello sperimentare i metodi attraverso gli occhi di altri come di qualcosa che gli consente di entrare davvero in contatto con il legno con cui lavorerà, e questo per lui rappresenta la parte più importante del suo ruolo in Jameson. Tuttavia è la passione per il prodotto e per la fine del processo che dà a Ger il piacere maggiore. Infatti, afferma con orgoglio che “il 50% del sapore del whiskey deriva dal legno – così il legno e il processo di distillazione incidono in pari misura sul gusto.” Il senso di orgoglio di Ger per un lavoro ben fatto si riflette anche nell’armonia degli aromi presenti in ogni bicchiere di Jameson Irish whiskey. “Quando vedi svuotare un barile, con quel bellissimo color ambra dorata, che sembra quasi miele, e sai che il colore deriva dalla botte è una sensazione fantastica.” Non sono solo le botti in sé ad essere nelle mani capaci di Ger, ma il futuro del mestiere stesso. Come ultimo Bottaio del Paese, Ger ha assunto un apprendista per fare in modo che la sua esperienza e le sue competenze vengano trasmesse alla prossima generazione.

Ger Buckley Video

Un vero artigiano nella forma più pura del termine, Ger è la quinta generazione di Bottai Midleton e usa gli stessi metodi e strumenti che usava suo nonno. La sua passione deriva non solo da una tradizione familiare, ma anche dal suo essere affascinato dalle molteplici possibilità che la sua materia prima preferita gli mette a disposizione.


Scopri la nostra storia dal grano al bicchiere.

Le porte della distilleria sono sempre aperte.